Botox

Botox

Premesso che la chirurgia rappresenta pur sempre la soluzione definitiva, 

senza dubbio più concreta e risolutiva, vi sono tuttavia delle valide alternative al bisturi con il raggiungimento di buoni risultati.

Le rughe rappresentano una progressiva ed incontrastabile atrofia del connettivo sottocutaneo, segno inconfutabile del trascorrere del tempo ed in genere possono essere più o meno diffuse a seconda delle caratteristiche individuali. Per quanto riguarda le rughe del terzo superiore del volto ed in particolare quelle frontali, periorbitarie (le classiche zampe di gallina) e glabellari, uno dei trattamenti più efficaci è rappresentato dall’utilizzo della tossina botulinica. Questa, iniettata a basse concentrazioni nelle zone specifiche , determina un rilassamento della muscolatura con conseguente retrazione della rugosità. E’ possibile inoltre sollevare anche la coda del sopracciglio “aprendo” così lo sguardo.

Il trattamento va ripetuto ogni 4 mesi per il primo anno per poi passare a delle applicazioni più distanziate negli anni successivi. I risultati ottenuti in queste regioni del volto, tuttavia, sono molto soddisfacenti e sono nettamente superiori all’utilizzo di fillers (materiali iniettabili).

La tossina botulinica di tipo A viene prodotta in condizioni controllate in laboratorio, purificata, confezionata e venduta per il trattamento di numerose malattie, tra cui il blefarospasmo, l’iperidrosi, gli spasmi muscolari in genere e recentemente anche per il trattamento cosmetico delle rughe del viso. La procedura consiste nell’infiltrare la tossina botulinica nei muscoli mimici responsabili della formazione delle rughe. Se si esclude la possibilità di un leggero arrossamento, il trattamento non lascia segni visibili e le normali attività possono essere riprese subito dopo.

L’effetto dell’applicazione  compare dopo 3  giorni fino ad arrivare al massimo effetto dopo due settimane. E’ importante restare in posizione sollevata e contrarre ripetutamente i muscoli trattati per circa 4 ore dopo l’iniezione e non massaggiare i muscoli infiltrati per evitare che il prodotto possa diffondersi nelle aree vicine. Il trattamento con tossina botulinica si è dimostrato estremamente sicuro.

 

  • botox1
  • botox2

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.